Parodontite | Studio dentistico Pandolfi

Parodontite: 5 Cose da sapere

Vuoi prenotare una visita o farci delle domande? 

Parodontite, piorrea, malattia parodontale… i nomi sono molti, ma tutti si riferiscono a un’unica cosa: l’infezione batterica che colpisce i tessuti di supporto del dente.

Si tratta di una condizione che, se non trattata, può portare fino alla perdita degli elementi dentari.

Ne hai mai sentito parlare?

Scopri in questo articolo le 5 cose da sapere sulla parodontite!

 

Come forse già sai, la parodontite è un processo infiammatorio causato dall’aggressione batterica. La progressione della malattia, se non trattata, può portare alla perdita dell’elemento dentario, a causa dell’indebolimento della struttura di sostegno.

Quest’ultima prende appunto il nome di “parodonto” e si compone di:

  • legamento parodontale
  • gengiva
  • osso alveolare
  • cemento radicolare

 

L’infiammazione viene innescata dai batteri che proliferano nella bocca sotto forma di placca e tartaro, che possono colpire i denti (lesioni cariose) o il parodonto, provocandone un’infiammazione cronica.

 

Dopo questa piccola presentazione… passiamo alle 5 cose da sapere su questo tipo di condizione!

 

Pronto? Iniziamo.


1• Cause della parodontite

È fondamentale conoscere le cause della malattia parodontale, solo in questo modo, infatti, è possibile adottare pratiche e atteggiamenti efficaci di prevenzione.

I principali fattori di rischio sono:

  • igiene orale superficiale e poco attenta
  • fumo
  • stress
  • diabete e alcune malattie sistemiche: chi ne è affetto ha un rischio maggiore di sviluppare infezioni, tra cui anche quelle parodontali.
  • ereditarietà genetica
  • farmaci: alcune medicine, possono influire negativamente sulla salute delle gengive, così come molte terapie antitumorali.

2• Parodontite e altri disturbi: c’è una relazione

In alcuni casi i batteri dell’infiammazione, attraverso la circolazione sanguigna, raggiungono gli altri organi del corpo e fanno insorgere o aggravano situazioni infiammatorie già esistenti, quali patologie cardio-vascolari, patologie dismetaboliche, patologie della gravidanza.

 

È pertanto necessario mettere al corrente il dentista, della propria storia clinica. In questo modo il professionista presterà attenzione a tutti i dettagli del caso, pianificando trattamenti e controlli nel tempo, volti a limitare il rischio di infezione.

3• Sintomi principali

Tra i principali segnali di parodontite vi sono:

  • sanguinamento gengivale
  • alitosi
  • recessione gengivale
  • mobilità dei denti e l’aumento dello spazio tra un elemento e l’altro.
  • presenza di ascessi

 

È importante sottolineare che la sintomatologia molto spesso viene sottovalutata, in quanto diviene dolorosa solo nelle fasi tardive della malattia. Per questo è fondamentale prestare attenzione ai piccoli avvisi che la nostra bocca ci invia, senza etichettarli come “semplici fastidi”.

4•Cura per la parodontite

La cura per la Piorrea? Ovviamente la prevenzione: svolgere un’igiene orale approfondita, controlli periodici e pulizie professionali presso il tuo dentista, ridurrà sensibilmente le possibilità che la malattia compaia e si diffonda, con conseguenze anche gravi.

Nel caso in cui la tua malattia si trovi agli stadi iniziali, il dentista procederà con una o più sedute di igiene professionale.

Se, invece, l’infiammazione è più diffusa, si procederà con terapie più approfondite, a discrezione del tuo dentista di fiducia, il quale saprà consigliarti il trattamento più adatto alla tua situazione.

5• Terapia causale, una risorsa da non sottovalutare

Ne hai mai sentito parlare? Questa terapia si svolge in varie sedute che variano da un minimo di 2 fino ad un massimo di 6.

L’obiettivo principale è quello di rimuovere placca batterica e tartaro sopra e sotto-gengivale; in seguito si procederà insegnando al paziente le corrette manovre di igiene orale per la rimozione quotidiana della placca.

Al termine della terapia, il paziente entra in un programma di mantenimento, ossia di richiami di igiene orale prima mensili e poi ogni 3-6 mesi, in base alle necessità individuali. Durante queste sedute si verifica la carica batterica presente nella bocca e l’igiene orale svolta dal paziente.

Siamo giunti alla fine di questo articolo, ora la parodontite non ha più segreti per te… o quasi!

Per qualsiasi dubbio o domanda siamo a tua disposizione, contattaci!

Seguici sui nostri canali Facebook e Instagram per rimanere aggiornato!

Vuoi prenotare una visita o farci delle domande?